FILI D'AQUILONE
rivista d'immagini, idee e Poesia

Numero 55
maggio/agosto 2020

Cenere

Cenere


CENERE, numero 55, di Fili d’aquilone si apre con la silloge poetica Diario della cenere di Alessio Brandolini, accompagnata da un disegno di Stefano Cardinali. Altre sillogi in tema sono Oltrecenere, di Angelo Tonelli; Cenere sui sogni della rumena Lucia Ileana Pop, scritta direttamente in italiano; Una tortora color grigio tortora, anzi color grigio cenere, osserva certe umane, minime vicende di Marco Furia e, infine, Le grazie della cenere di Gabriella Pace. Sempre sul tema della “cenere” abbiamo sillogi inedite di autori stranieri: Parole di cenere, del portoricano David Cortés Cabán, da tempo radicato a New York e In cinerem venturi del francese Christophe Corp.

PER LA POESIA STRANIERA Alessio Brandolini in Diario di bordo di nessuno parla della poesia del messicano Álvaro Solís e traduce diverse poesie dal suo ultimo libro; Viviane Ciampi in La costanza dell’insolenza presenta la poesia del francese Daniel Leuwers; Leonardo Zelli in A bassa voce traduce alcuni testi del poeta tedesco Reiner Kunze; Iuliana Olariu presenta la poesia del rumeno Leonard Ancuta; Francesco Tarquini in Il silenzio della nuotatrice propone e traduce la poesia dell’argentina Marta Miranda; Federica Silvino in La voce dei tuoi occhi è più profonda di tutte le rose ci fa conoscere la poesia dell’uruguayano Jorge Palma; Alessio Brandolini in Quartetto elementare torna sulla poesia del colombiano Héctor Cañón Hurtado e in Cenere sul mondo sulla poesia del messicano Luis Armenta Malpica, in riferimento al suo libro recentemente uscito in Spagna Enola Gay.

PER LA PROSA I racconti in tema di questo numero sono: 7 febbraio 1940, di Marco Galetto; Baco da seta, di Carola Cestari; Il capolavoro ritrovato di Gobig Onego; I reduci, di Armando Santarelli; Cinereo, o la sabbia del tempo, di Matteo Moscarda e Atom heart mother di Giorgio Galetto. A questi racconti si affianca, come di consueto, quello di Annarita Verzola dedicato ai più giovani: I sette puledri, traduzione di un racconto tratto dalla raccolta di fiabe curata dallo scozzese Andrew Lang, e il lavoro della slovena Jolka Milič Cinque racconti per l’infanzia di Tatjana Pregl Kobe.

PER LA CRITICA Francesco Tarquini in Negli occhi stupefatti dedica un lungo saggio al libro di poesia L’osservatorio di Francesco Dalessandro; Federica Silvino in Gli uccelli erano disegni di cenere commenta il libro del salvadoregno Jorge Galán Mezzanotte del mondo pubblicato nel 2019 da Edizioni Fili d’Aquilone (a cura di Alessio Brandolini); Marco Testi in Il senso delle cose interviene sull’ultima raccolta poetica di Giancarlo Baroni; Barbara Carle in Una poetica dell’infanzia propone una lettura della raccolta poetica Bambina mattina di Domenico Adriano. Marco Benacci ci offre due lavori: in Mitad ceniza / Mitad latido parla del progetto artistico delle peruviane Elisenda Estrems e Nani Cárdenas, realizzato a partire dalla poetica di Jorge Eielson; in Rileggere Il Plinto parla della poesia del cileno David Rosenmann-Taub. Marco Testi in Freud sul lettino di Shakespeare traccia alcune considerazione sul vasto saggio critico di Harold Bloom Il canone occidentale.

PER LE RUBRICHE
Stefano Cardinali in Dai resti di una fenice ci racconta, nella sua rassegna dedicata alla musica, i folgoranti inizi della carriera di Alan Sorrenti. Gabriele Nicosia dedica la sua vignetta Ceneri al dilagare nel mondo del Covid-19. Per la sua consueta rubrica dedicata al CINEMA A PAROLE, Verónica Becerril ci invita a rivedere il film di Roberto Rossellini Stromboli (Terra di Dio) del 1950 con la splendida Ingrid Bergman. Infine, in La memoria delle ceneri Giuseppe Ierolli per il suo angolo di ED seleziona, traduce e commenta poesie di Emily Dickinson dove la cenere diventa memoria.

* * *

Ricordiamo ai nostri amici lettori che i primi quarantanove volumi di Edizioni Fili d’Aquilone (quarantadue nella collana i fili, uno nella collana le ali, quattro nella collana gli spilli, uno nella collana i segni e uno nella collana Fili d'oro) sono in commercio e pertanto si possono acquistare agevolmente seguendo le modalità descritte nella pagina degli acquisti del sito della nostra casa editrice e nelle varie librerie online, come ad esempio Amazon.

Le ultime pubblicazioni per la collana di poesia i fili:

per la collana i segni:

per la collana Fili d'oro:

* * *

Finalmente possiamo uscire di casa e raggiungere il mare e la montagna, sempre con prudenza e lì sarà più bello passare un po’ di tempo con questo nuovo numero. Vi auguriamo una buona lettura così da lasciare le vostre impronte su questa Cenere, con calma e senza fretta, per poi incontrarci di nuovo qui, tra quattro mesi, con Fili d’aquilone 56 che avrà per titolo CAOS, giusto per fare un po’ di trambusto, per rimettersi in moto..

Sommario

Diario della cenere
silloge poetica di Alessio Brandolini (con un disegno di Stefano Cardinali)

Parole di cenere
silloge poetica di David Cortés Cabán

Cenere sui sogni
silloge poetica di Lucia Ileana Pop

Oltrecenere
silloge poetica di Angelo Tonelli

Una tortora color grigio tortora, anzi color grigio cenere, osserva certe umane, minime, vicende
silloge poetica di Marco Furia

In cinerem venturi
silloge poetica di Christophe Corp

Rileggere Il Plinto di David Rosenmann-Taub
di Marco Benacci

7 febbraio 1940
racconto di Marco Galetto

Álvaro Solís, Diario di bordo di nessuno
di Alessio Brandolini

Baco da seta
racconto di Carola Cestari

Héctor Cañón Hurtado, Quartetto elementare
di Alessio Brandolini

Il capolavoro ritrovato
racconto di Gobig Onego

Atom heart mother
racconto di Giorgio Galetto

La costanza dell’insolenza. La poesia di Daniel Leuwers
di Viviane Ciampi

Jorge Palma, La voce dei tuoi occhi è più profonda di tutte le rose
di Federica Silvino

Una poetica dell’infanzia. Bambina mattina di Domenico Adriano
di Barbara Carle

Il senso delle cose. I nomi delle cose, nuova antologia poetica di Giancarlo Baroni
di Marco Testi

La poesia di Leonard Ancuta
di Iuliana Olariu

Il silenzio della nuotatrice. Sulla poesia di Marta Miranda
di Francesco Tarquini

Le grazie della cenere
silloge poetica di Gabriella Pace

Freud sul lettino di Shakespeare. Considerazioni sul Canone Occidentale di Harold Bloom
di Marco Testi

Mitad ceniza / Mitad latido: dialoghi annodati con Jorge Eielson
di Marco Benacci

A bassa voce. Sulla poesia di Reiner Kunze
di Leonardo Zelli

I sette puledri
a cura di Annarita Verzola

Cinereo, o la sabbia del tempo
racconto di Matteo Moscarda

I reduci
racconto di Armando Santarelli

Cinque racconti per l'infanzia di Tatjana Pregl Kobe
a cura di Jolka Milič

Gli uccelli erano disegni di cenere. Mezzanotte del mondo di Jorge Galán
di Federica Silvino

Negli occhi stupefatti. Rileggendo L’osservatorio di Francesco Dalessandro
di Francesco Tarquini

Cenere sul mondo. Luis Armenta Malpica, Enola Gay
di Alessio Brandolini


Rubriche

L'ANGOLO DI ED
La memoria delle ceneri
a cura di Giuseppe Ierolli

IL CINEMA A PAROLE
Stromboli (Terra di Dio) di Roberto Rossellini
di Verónica Becerril

ASCOLTARE, UNA RUBRICA PER LE ORECCHIE 2.0
Dai resti di una fenice
di Stefano Cardinali

LA VIGNETTA DI GABRIELE
Ceneri
di Gabriele Nicosia



Chi ha realizzato questo numero




redazione@filidaquilone.it


FILI D'AQUILONE
Rivista online
d'immagini, idee e Poesia
diretta da Alessio Brandolini
ISSN 1971-8985